Home Aziende Whisky Festival, le novità più interessanti per il Natale 2019

Whisky Festival, le novità più interessanti per il Natale 2019

Appuntamento immancabile per gli appassionati di whisky, il Whisky Festival di Milano è stato anche quest’anno la vetrina delle novità da tutto il mondo. ApeTime ha selezionato alcune delle più interessanti, che possono incuriosire i barman e rappresentare delle idee regalo di sicuro successo per il prossimo Natale.

Sierra Norte

Arriva dal Messico questo whiskey fatto al 100% con mais locale, disponibile in diverse versioni: Amarillo, Blanco, Negro e Dorado. Si tratta di single barrell creati dal master distiller di Scorpion Mezcal, Douglas French, e distillati nella regione messicana di Oaxacan – uno dei paradisi mondiali della biodiversità – utilizzando il mais proveniente da coltivazioni tradizionali che si tramandano da 7 mila anni. Ogni varietà è distillata separatamente e matura in botti di rovere francese, sino ad assumere un suo specifico carattere.
Costa circa 62 euro a bottiglia.

Jameson Caskmates Ipa

E’ il primo whiskey invecchiato in botti di birra Ipa artigianale, nato dalla collaborazione tra il Master of Whiskey Science David Quinn e un suo amico, fondatore e direttore di un birrificio artigianale, poco distante da Midleton, a Cork. Ne deriva un whiskey con sentori erbacei di luppolo, agrumi freschi e note floreali: il sapore complesso di Jameson si sposa con la craft beer per eccellenza, la Irish Pale Ale, che unisce le note agrumate delle India Pale Ale americane con quelle di malto caratteristiche delle English Ipa. Adatto anche alla miscelazione, abbinato a una tonica, oppure per il beer pairing, degustandolo in abbinamento a birre Ipa, Pale Ale e Imperial o Double Ipa.
Costa circa 30 euro a bottiglia.

Big Peat

Il Premium Islay Vatted Malt Scotch Whisky della Douglas Laing & Co., noto anche in Italia soprattutto nel mondo della miscelazione, arriva in tre nuove edizioni: quella invecchiata 10 anni, quella di 26 anni e la speciale Christmas Edition.
Il Big Peat è un blended whisky torbato che utilizza esclusivamente whisky dell’isola di Islay, nella sua composizione troviamo infatti single malt della Ardbeg, Caol Ila, Bowmore e della Port Ellen (la distilleria chiusa nel 1983). Il Big Peat è un whisky small batch, cioè creato in piccoli lotti (circa 5mila bottiglie) non filtrato a freddo e senza coloranti. Un whisky entusiasmante, vero e di grande corpo, premiato con 96 punti e come miglior blended whisky del 2011 dalla Whisky Bible di Jim Murray.
Costa circa 60 euro a bottiglia.

Glenfarclas 10 anni

Whisky single malt scozzese classico e tradizionale, adatto anche alla miscelazione, prodotto da una distilleria che si contraddistingue per la gestione rigorosamente familiare e che, unica, utilizza il metodo di distillazione a fuoco diretto.
Costa circa 37 euro a bottiglia.

Teeling Single Malt

Un whiskey che contiene solo single malt Irlandesi invecchiati in botti che in precedenza hanno contenuto vino (Sherry, Porto, Madeira, Chardonnay di Borgogna e Cabernet Sauvignon) e poi imbottigliato senza essere filtrato a freddo.
Costa circa 48 euro a bottiglia.

 

LEGGI ANCHE

Natale: da Bacardi a Martini, idee regalo e Special Pack per gli appassionati di mixology

Nicole Cavazzuti
Giornalista freelance esperta di Food & Beverage, è la prima firma in ambito mixology del mensile Mixer, ha una rubrica settimanale sul quotidiano freepress Leggo (Drink and Club) e collabora con VanityFair.it e Il Messaggero.it. Scrive articoli, realizza video e foto ed è invitata spesso come giudice nei concorsi di bartending. Da novembre 2019 è la responsabile del magazine di ApeTime.

Seguici sui social

25,501FansMi piace
33,740FollowerSegui
117IscrittiIscriviti

SCARICA L'APP APETIME