Home Bartender Paolino Nigro, passione barman

Paolino Nigro, passione barman

 

“La mixology è divisa in due in italia, il nord c’è più cultura sul drink, ma noi del sud siamo più combattivi”. Parola di Paolino Nigro, giovane barman, combattivo e intraprendente, che sta facendo di una passione un lavoro. Anzi, tanti lavori. Si occupa di bar catering (barman a domicilio), consulenza per locali e nuove aperture, corsi di formazione e servizio di bar manager.

Paolino Nigro è di Melfi, in provincia di Potenza, e ha 23 anni. È brand Ambassador per “Cantina di Venosa”,  azienda lucana produttrice di vino conosciuta in tutto il mondo, per “Di Bernardo Caffè Torrefazione Artigianale” e per l’azienda di distribuzione di bevande “Luigi Salvante e Figli” di Calitri. Ecco come si racconta ad ApeTime

 

Quando hai iniziato a lavorare in questo settore?

Ho iniziato a fare questo lavoro giovanissimo, anche se diciamo che a farlo seriamente, studiando e mettendoci impegno, sono ormai 6 anni. Ho frequentato dei corsi all’Equilibrium di Pescara e come mentori ho proprio i trainer di quell’accademia, mi sono stati vicino tantissimo e continuano a farlo anche ora, loro sono sicuramente le persone che mi hanno dato di più insieme ad un altro grande amico che lavora nel mondo del caffè, Francesco, con cui collaboriamo nella sua piccola torrefazione artigianale.

Ora dove lavori?

Ora gestisco un piccolo catering di cocktail bar e mi occupo di Formazione sul mondo del caffè proprio nella torrefazione.

Quali sono le soddisfazioni più grandi che hai ottenuto nel tuo mestiere?

Tra le soddisfazioni più grandi sicuramente è vedere il mio cellulare squillare costantemente ed essere apprezzato dalla gente per quello che faccio, più di questo cosa potrei chiedere. In poco tempo sono riuscito a costruire un team davvero bello e affiatato, dove l’amicizia mista al lavoro fa sì che tutto si perfezioni sempre di più, ci teniamo sempre ad essere informati e ci sproniamo a vicenda.

Com’è il mondo della mixology in Italia?

Secondo me la mixology è divisa in 2 in italia, il nord è molto più avanti, ha una cultura sul drink molto più alta, mente al sud si fa più fatica, ma noi del sud siamo più combattivi, ci piace il gioco duro.

Qual è il tuo cocktail preferito?

Tra i miei drink preferiti c’è il Clover Club, lo reputo un drink elegante, raffinato, perfetto per i palati maschili e femminili.

Qual è il tuo cavallo di battaglia?

A detta dei miei clienti il mio cavallo di battaglia è il Mojito, come lo preparo io non lo prepara nessuno, voi ci credete?!

Ci crediamo e dobbiamo provarlo! Che consigli dai invece a chi è inesperto? Quali sono gli errori più comuni da evitare per preparare un cocktail?

Tra gli errori più comuni per i principianti sicuramente è sul dosaggio degli ingredienti, quando si parla di drink, purtroppo si pensa sia solo un insieme di alcol senza sapere che ogni tassello, quindi ogni prodotto, deve essere perfettamente combaciante con il resto.

Che consiglio dai a chi vuole fare questo mestiere?

Il pensiero che mi sento di rivolgere a chi si appresta a fare questo favoloso lavoro è che se non ha pazienza di stare al passo con i tempi e quindi di essere alla ricerca costante e di studiare, praticamente per sempre, non può imboccare questa strada. La formazione in questo campo è tutto!

Grazie Paolino, alla prossima! Per chi volesse saperne di più ecco il suo sito: https://paolinonigro.it/

Enrico Gotti
Editor ApeTime, giornalista, appassionato di videomaking e di cultura gastronomica.

Seguici sui social

26,112FansMi piace
33,684FollowerSegui
117IscrittiIscriviti

SCARICA L'APP APETIME