Home Bartender Jessy Santin, bartender italiano, made in Australia

Jessy Santin, bartender italiano, made in Australia

 

Il bartender della settimana è Jessy Santin, 25 anni, nato a Melbourne, attualmente vive e lavora in Friuli. È maestro della FIBA, la Federazione Italiana Bar Academy.

View this post on Instagram

It’s a pleasure to introduce myself to all of you: I’m Jess, an Italian Bartender Made in Australia. I have done a lot of work, studies and sacrifices behind this scenes. I’m so curious to keep learning and learning and try all about this amazing world! Someone keep saying: Choose a job you love, and you will never have to work a day in your life! And I always think that been a professional bartender is one of the best jobs in the planet. Be determined, be hungry, be sharp and focus straight on your targets, and remember, if you can see your future and you have the courage enough to speak it, it will happen. No more lies and take it easy! More news coming soon, are you ready? I’m able and ready for new working experience and start new collaboration with all about the bartending world. Let me know if you got something, and if you enjoyed it. Salute. • • • Big thanks to: Fiba academy (the school who I work with) ?? @davide_depiero (a massive videomaker!)? And thumbs up to all the legends of this world: @flavioangiolillo @andreadracos @francescobonazzi @filipposisti123 @denniszoppi @simonecaporale_ @alex_kratena @talentedmrfox @the_cocktailguy @giovanni.ceccarelli @fermentalista @gianni_zottola @edoardonono @joe_schofield @eriklorincz @claudio_peri @danieledallapola @martin_hudak @timdphilips @cocktailmaestro @stefanonincevichcocktailsafari @luca_cinalli__enza_de_luca_ @nathbeas18 &many more . . . . #roadtoblackpearl #bar #barman #bartender #bartenderlife #bartendertricks #bartenderschool #flairbartender #drink #cocktails #homemade #fermentation #mixology #video #videomaker #aspirations #drinkbetter #goodlife

A post shared by JESSY SANTIN ®️ (@jessysantin) on

Così si racconta ad ApeTime: “Da svariati anni ormai sono entrato in questo mondo, ho avuto l’onore, la fame, la curiosità e l’opportunità di imparare dai più forti del mestiere in Italia e all’estero che mi hanno portato a conoscere i ragazzi di Fiba Academy (Formazione Italiana Bar Academy), di Cordenons, la quale ormai da più anni abbiamo stretto una collaborazione. Collaborazione che mi ha portato a concretizzare e rendere nostro tutto ciò che sono riuscito ad assimilare rubando anche con gli occhi dai professionisti del mestiere.”

“FIBA è un’Associazione dedita alla formazione di Bartender nella sua totalità. – spiega Jessy Santin – Il Bar-Tender è un commerciante di Bar e come tale deve conoscere in profondità la sua materia prima al fine di poter vendere il proprio prodotto (sia esso cocktail, vino, birra, caffé). Per questo motivo, FIBA Academy promuove e applica corsi di e per Barman & Bartender con lo scopo di rendere il mercato limitrofo più professionale e più consapevole.

Quali sono le soddisfazioni più grandi del tuo lavoro?

Le mie soddisfazioni più grandi per l’appunto dopo un paio di anni di esperimenti, prove e collaborazioni in laboratorio sono quelle di aver preso in mano i corsi di Homemade e di Handmade CocktailDesign: Il mondo degli Homemade creati consapevolmente è alla portata di tutti, soprattutto di chi, come noi non si accontenta. L’obiettivo: aprire la mente verso nuovi orizzonti; conoscere la materia prima col fine di saperla e poterla plasmare. Avere gli strumenti per iniziare a fare la differenza ed essere riconosciuto come “unico“.

Mente l’ Handmade CocktailDesign è più proiettato sul modo di bere futuro. In questo master si avrà la possibilità di cambiare ottica partendo dalle basi e andando a creare grandi opere, portando al cliente anche il famoso WOW effect, affascinandoli e andando così ad aumentare la clientela offrendo un servizio originale e di qualità ottenendo il massimo dell’innovazione.

Com’è il mondo della Mixology in Italia?

È in continua trasformazione, ci stiamo piano piano avvicinando ad un nuovo modo di miscelare partendo dal passato e innovandolo, con una qualità maggiore anche nel dettaglio, avvicinandoci sempre più al mondo della cucina.

Quali sono i tuoi cocktail preferiti?

Come drink, sono un amante dei sour e del Manhattan con i suoi mille twist, mi piace bere però abbastanza morbido, ma ciò che più mi piace è andare oltre a queste grandi famiglie, ovvero scoprire nuovi sapori, texture, profumi, risvegliare tutti i sensi e renderli semplici e connessi al mondo e al periodo in cui viviamo.

Quali sono i tuoi consigli per chi si avvicina a questo settore?

essere umili, mettersi in gioco, investire in se stessi, con tempo e sacrifici, arrivando poi a risultati concreti. Se tutto questo è ben bilanciato, con la giusta applicazione, svolgendo i corsi migliori, girando, parlando, leggendo e incuriosendosi nel modo giusto, la via del successo diventa sempre più vicina.

View this post on Instagram

SPRITZ ??? Most of bartenders complain about the fact that he makes too many spritz in a day, which if it was for him, he would put it to more money, so people are invited to order something else. My question is: • Is that the right reflection? • Have you never asked you why people always order the same thing? • So, why don't we change the focus and see the request as a strength point where you can increase more money by giving even more emotions? Looks great in this view, doesn't it?!? If you want more news stay near us, we have more news coming up next! We’re here! ?? Stay focus, do the difference! And no more Lies! Take it easy ? Salute! ⒿⓈ . . . #roadtoblackpearl #artdesign #cocktailarts #cocktaildesign #betheverobartender #bargiornale #designemotion #bartender #bartending #baritalia #baritalia2019 #bartendingschool #spritz #spritzlife #homemade #fermentation #campari #aperolspritz #aperol #stgermainspritz #stgermaindrinks #future #takeiteasy #chef #takeiteasy

A post shared by JESSY SANTIN ®️ (@jessysantin) on

Chi sono i tuoi “maestri”?

Ci sono tante figure che mi hanno portato ad avanzare in questo mondo: ringrazio la Milano da bere (Flavio Angiolillo assieme ad Andrea Dracos e tutto lo staff del MaG che mi ha portato a rubare con gli occhi un sacco di tecniche e di argomenti specifici). Simone Caporale che mi ha portato a guardare questo mondo nell’ottica del innovazione. I ragazzi Della Drink Factory di Bologna, nello specifico Flavio Sacco e Giovanni Ceccarelli che mi hanno donato delle solidissime basi avanzate con cui poter partire a sperimentare in FIBA. Design|Emotion: Dennis Zoppi e tutto lo staff che mi hanno portato al next level! proiettandomi ancora di più verso il futuro, mentore del mondo del art design multisensoriale, dell’innovazione e best hospitality coach! Ultimi ma per nulla ultimi: i ragazzi di FIBA Academy, nello specifico David Sanchis, Claudio Nardin e Mirko Ciman che ogni giorno dal mio giorno zero assieme mi portano al successo, è un onore collaborare con voi e far parte di questa famiglia!

Grazie Jessy e in bocca al lupo per tutto!

Grazie a voi, venite a trovarci, sarete i benvenuti e seguiteci nei vari social (instagram e facebook), ne vedrete delle belle ve lo assicuro!  Siamo qua, are you ready to say hello to the future? No more Lies!

 

 

 

Enrico Gotti
Editor ApeTime, giornalista, appassionato di videomaking e di cultura gastronomica.

Seguici sui social

24,663FansMi piace
33,879FollowerSegui
117IscrittiIscriviti

SCARICA L'APP APETIME