Home Bartender Giovanni Miola

Giovanni Miola

 

INTERVISTA A GIOVANNI MIOLA – TALENTO MADE IN SUD DIETRO AL BANCO DEL “BACCANO

Continua la serie di interviste ai Bartender  ApeTime.

APETIME: Quale è stata la scintilla che ti ha fatto scattare la passione per la professione di Bartender?

GIOVANNI: Il mondo della notte e dell’alcool mi ha sempre affascinato, avendo per me un lato misterioso e nascosto. Quindi la curiosità di capire cosa succedesse dietro il bancone mi ha spinto ad avvicinarmi a questo mondo.

APETIME: La tua esperienza al Bounty di Rimini cosa ti ha lasciato di importante?

GIOVANNI: È stata sicuramente una tappa fondamentale per la mia crescita professionale. Avendo un ruolo manageriale, ho imparato a gestire i numeri di un locale così importante, a gestire e selezionare le risorse che entravano a far parte del mio team, ed ho capito tanti meccanismi legati al marketing che arricchiscono in modo importante il mio bagaglio professionale.

APETIME: La tua crescita professionale nell’ultimo periodo è stata esponenziale. Ci racconti le tappe più salienti?

GIOVANNI: È stata una crescita voluta e sudata.

Iniziando dal fatto che appena diciottenne sono andato, da solo, a Londra, a studiare “Bartending” ed a confrontarmi con una realtà dura ma al contempo fantastica. Le esperienze nei villaggi turistici, mi hanno insegnato le base dell’Hospitality e il vero senso della parola “sacrificio”.

Poi è arrivato il Bounty, che come dicevo prima, mi ha messo davanti ad una bella sfida, che mi ha fatto fare un grande salto di qualità. Fino ad arrivare al “Baccano”, nelle capitale, che attualmente è il locale più blasonato in Italia per ciò che stiamo facendo a livello di Bartending nazionale e internazionale, guidati da un grande manager Mario Farulla, che è stato l’artefice del mio trasferimento a Roma.

APETIME: Cosa vedi nel tuo futuro?

GIOVANNI: Nel mio futuro vedo ancora tanti ostacoli da superare e tante sfide da affrontare. Sperando di migliorare, ancora e ancora, nel mio lavoro, ma senza tralasciare il progetto magari di una famiglia con Maria, la mia fidanzata che è la spalla del mio percorso, quindi un futuro con un focus anche alla vita privata e alla famiglia oltre che al mondo del Bartending e dell’Hospitality.

Un grande saluto  e un ringraziamento particolare a Giovanni Miola per il tempo che ci ha dedicato.

Stefano Orio
Commercial Manager & Blogger ApeTime. Appassionato di Vini ed Aperitivi. Spesso in giro alla scoperta di cantine, soprattutto quelle con le bollicine.

Seguici sui social

26,136FansMi piace
33,684FollowerSegui
117IscrittiIscriviti

SCARICA L'APP APETIME